Arize Hotel

Arize Hotel

Architetto
Idin Architects Co., Ltd.
Posizione
Sriracha, Chonburi, Thailand | View Map
Anno Progetto
2017
Categoria
Hotel

Hotel Arize

Idin Architects Co., Ltd. come Architetti

L'Arize Hotel ha lanciato la sua prima filiale su Sukhumvit 26 Road, il cui obiettivo principale sono gli espatriati giapponesi. In seguito i proprietari hanno anticipato l'opportunità a Sriracha, dove c'è una zona industriale nella zona, oltre ad essere una forte base di uomini d'affari giapponesi. L'hotel è composto da 379 camere. Al fine di servire gli ospiti che soggiornano per lunghi periodi, in alcuni tipi di camere, ci sono servizi aggiuntivi e spazi più ampi rispetto all'hotel standard. Nel frattempo, il design dell'hotel dovrebbe essere conforme al contesto e alle caratteristiche della città balneare.

 

Nella fase di progettazione iniziale il progetto doveva essere un edificio di ventidue piani che si estendesse su tutto il terreno ma, dopo aver ricevuto le informazioni, gli architetti hanno deciso di proporre, al contrario, che l'edificio dovesse essere sopraelevato per preservare gli alberi esistenti, per massimizzare le aree verdi e per essere flessibile per l'espansione futura.

 

Nella zona del podio, c'è un enorme cortile recintato dove si conserva principalmente la maggior parte degli alberi esistenti e funge da serena area di accoglienza per gli ospiti; protegge l'area dal caos esterno. Questa corte si ispira al concetto di "Engawa", che significa una terrazza che collega le persone e la natura. I listelli sono scelti come elemento caratterizzante per racchiudere il cortile e controllare la qualità della luce che illumina lo spazio. L'ombra apparente cambia nel tempo. Questo evento riflette l'origine della parola giapponese "Ma" che significa "Spazio" o "Luogo" nell'architettura giapponese. Deriva dalla parola "Porta" e "Sole", che implica che c'è una luce del sole che filtra attraverso il vuoto della porta.

 

L'atrio è esattamente allineato nell'asse del grande albero di tamarindo esistente che fa da sfondo all'ingresso dell'atrio. Al secondo piano, è presente un ponte che collega alla zona pranzo per tutto il giorno come un anello, comodo per l'uso. Il vetro che racchiude questo piano è progettato per essere semitrasparente, dando un accenno alla porta di carta giapponese "Shoji". In cima al podio si trova la nuova piscina per gli ospiti esperti che possono nuotare intorno all'edificio e al cortile sottostante. Pertanto, il cortile sull'albero potrebbe essere facilmente visibile da molti punti del podio.

 

Per la torre, i proprietari del progetto intendevano applicare un sistema a doppio corridoio di carico nella zona delle camere per gli ospiti per ridurre al minimo l'area di circolazione, così i progettisti hanno seguito l'esigenza di permettere a tutte le camere di vedere una bella vista, ponendo un lato dell'edificio rivolto verso il golfo della Thailandia e l'altro verso la vista delle montagne. Molte aree comuni vengono riempite in ogni piano per qualsiasi attività all'aperto e si collegano continuamente tra loro fino alla cima dove si trova l'attico. Questo attico è una combinazione di soggiorno, camere da letto e sala riunioni per i proprietari.

 

Gli spazi interni ispirati al famoso tema dell'arte del tardo Edo, "Setsu Getsu Ka" che si riferisce a "Neve, Luna e Fiore", questa particolare frase viene interpretata in molti capitoli che vengono utilizzati separatamente in zone diverse. All'ingresso, la parola "Neve" è interpretata come "essere senza confini", coprendo i pilastri con vetro riflettente e installando 3.000 pezzi di legno nel soffitto che si riferiscono alla neve che cade a caso. Collaborando con il vetro riflettente, alcuni pezzi di legno che si trovano intorno ai pilastri possono essere riflessi e si fondono armoniosamente con l'ambiente circostante. Per quanto riguarda la zona pranzo per tutto il giorno, interagisce con la parola "Luna" in quanto riguarda il fenomeno della luce e dell'ombra, mentre la sala conferenze è interpretata dalla parola "Fiore" e si dimostra attraverso il movimento degli elementi. Inoltre, il concetto di "Wabi Sabi" viene spiegato anche nelle camere degli ospiti attraverso l'utilizzo di legno naturale con una trama grezza nella decorazione per illustrarne la bellezza imperfetta.

Questa storia è disponibile in più lingue
Scheda Tecnica Prodotto

ElementoMarchio
ProduttoriTOTO
ProduttoriSKK
Scheda Tecnica Prodotto
Produttori
per TOTO
Produttori
per SKK
Residential Building with Tractor Shed
progetto successivo

Residential Building with Tractor Shed

Appartamenti
Schwaikheim, Germany - Edificio completato in 2019
Visualizza Progetto