CASA 22 AVELLANERS

CASA 22 AVELLANERS

Architetto
GUILLEM CARRERA arquitecte
Posizione
Aiguamúrcia, Spain | View Map
Anno Progetto
2020
Categoria
Alloggi Privati
Adrià Goula
Scheda Tecnica Prodotto

ElementoMarchioProduct Name
FurnitureVondom
BathroomsGROHE
WindowsSCHÜCO
BathroomsRoca
ElectricsJung HQ
KitchenNEOLITH by TheSize

Scheda Tecnica Prodotto
Furniture
Bathrooms
per GROHE
Windows
per SCHÜCO
Bathrooms
per Roca
Electrics
per Jung HQ
Kitchen

CASA 22 AVELLANERS

GUILLEM CARRERA arquitecte come Architetti

Santes Creus è la capitale del comune di Aiguamúrcia. È situata sulla riva sinistra del fiume Gaià, intorno al Real Monestir de Santa Maria de Santes Creus, uno dei gioielli dell'arte cistercense del XII secolo in Catalogna. Creata nel 1843 nei vecchi edifici del monastero, la città include luoghi di interesse legati all'edificio monastico come il ponte di pietra, la croce gotica, la piccola chiesa barocca di Santa Llúcia e la vecchia cantina cooperativa modernista. Seguendo la strada principale che porta al monastero, nella deviazione da dove parte la strada di Aiguamúrcia, c'è la nota Alameda de Santes Creus, unica come bosco fluviale in tutta la Catalogna, dichiarata spazio di interesse naturale.

photo_credit Adrià Goula
Adrià Goula

La posizione di questa casa appartiene all'espansione dell'area urbana che è stata sviluppata a Santes Creus alla fine del XX secolo e all'inizio del XXI secolo per ottenere due pezzi pubblici per le attrezzature e il parcheggio per i visitatori del monastero. Inoltre, è stata creata una nuova area residenziale di case unifamiliari tra i muri divisori, che è stata consolidata negli ultimi venti anni.

photo_credit Adrià Goula
Adrià Goula

L'osservazione e l'analisi delle due case vicine costruite in questa zona ha mostrato che la casa situata a sud fa un uso ottimale della proprietà e il volume di costruzione consentito, quindi, copre ampiamente l'illuminazione naturale percepita nella nostra zona. D'altra parte, la casa situata a nord è costruita su due lotti e ha una forma e un volume più tipici di una casa monofamiliare isolata. Per questo motivo, le viste più ampie sono la vista est (il terreno confina con un'altura montuosa), la vista nord (perché il vicino non ha utilizzato l'intero volume e l'area edificabile, e quindi, dal secondo piano, il paesaggio della zona è ampiamente percepito) e la vista ovest (rivolta verso la strada).

photo_credit Adrià Goula
Adrià Goula

In risposta a questa analisi, Casa 22 Avellaners ha tre strategie uniche. In primo luogo, collocare un volume sfalsato che si fonde con le diverse altezze degli edifici vicini. In secondo luogo, collegare questo volume con il paesaggio attraverso aperture verso le viste est e ovest (al piano terra e al primo piano) e verso la vista nord (al secondo piano, non appena si supera l'altezza dell'edificio vicino) per catturare la luce naturale nel miglior modo possibile e godere delle migliori viste. E in terzo luogo, creare un rapporto volumetrico vuoto e completo tra le diverse stanze all'interno della casa, attraverso la figura di tre grandi cavità (due spazi doppi e uno spazio triplo) all'interno della casa piena (il volume costruito della casa). Questo crea relazioni interne, sia spaziali che visive, che fanno sì che i diversi spazi che compongono il progetto siano percepiti come spaziosi, luminosi e relazionati tra loro in modo aperto e continuo. Per completare l'esposizione alla luce naturale, un lucernario è posto sul tetto di uno degli spazi doppi e lo spazio triplo dove si trovano le scale è collegato visivamente alla sala multiuso al secondo piano in modo che la parte centrale della casa sia illuminata naturalmente durante il giorno.

photo_credit Adrià Goula
Adrià Goula
photo_credit Adrià Goula
Adrià Goula

La casa articola la sua struttura di circolazione verticale attraverso la scala, che è la principale protagonista all'interno. Si trova in un luogo specifico, in modo che la connessione con ognuno dei tre piani sia ottimale e questo elemento partecipa agli spazi diversamente progettati.

photo_credit Adrià Goula
Adrià Goula

Il piano terra contiene l'accesso alla casa e un collegamento lineare a livello visivo e di accesso con il giardino posteriore. Su questo piano troviamo una prima fascia configurata dal garage, una stanza e un bagno; e una seconda fascia che consiste in uno spazio che integra la cucina, il soggiorno e la sala da pranzo e che si collega anche con il secondo e il terzo piano attraverso gli spazi doppi e tripli, che collegano visivamente e funzionalmente la zona giorno con lo studio e la zona giochi al primo piano e con la sala multiuso al secondo piano. Due camere, una terrazza e un bagno al primo piano e un punto di vista sulla terrazza al secondo piano completano il programma.

photo_credit Adrià Goula
Adrià Goula

La volumetria è stata costruita in una struttura mista di cemento e acciaio senza cambiare la topografia originale. All'esterno della casa è stata scelta una materialità che risulta dall'uso di materiali con tecniche di produzione e applicazione tradizionali e di prossimità, come la malta di calce, la ceramica artigianale, l'acciaio e il legno. Le aree non edificate sono state pavimentate il meno possibile nelle zone vicine alla casa; altrimenti sono state utilizzate per spazi verdi o per la coltivazione del giardino. All'interno della casa, il cemento a vista è stato lasciato per lo più sui soffitti e sulle scale interne, il che contrasta la consistenza spessa di questo materiale con la leggerezza dell'acciaio che configura i pilastri trasversali al piano terra e la ringhiera. Oltre al cemento e all'acciaio, sono disposti vari elementi tradizionali in legno e ceramica come pavimenti, rivestimenti e mobili, con l'obiettivo di creare interni luminosi, semplici, pratici, confortevoli e caldi che generano emozioni per i loro utenti.

photo_credit Adrià Goula
Adrià Goula

Nel progettare questa casa, l'efficienza energetica era una premessa. Questo è stato ottenuto attraverso soluzioni di architettura solare passiva e il rilevamento della luce indiretta che, insieme al sistema di costruzione stesso e uno studio esaustivo della composizione delle diverse pelli dell'edificio e del suo comportamento termico, hanno fatto sì che questa casa abbia ottenuto una certificazione energetica A.

Read story in EnglishEspañolFrançaisPortuguês and Deutsch

Featured Projects
Latest Products
News