Case Study house

Case Study house

Architetto
Woods + Dangaran
Posizione
Los Angeles, CA, USA | View Map
Anno Progetto
2019
Categoria
Alloggi Privati
Francis Dreis
Scheda Tecnica Prodotto

ElementoMarchioProduct Name
CountertopsCaesarstone
ProduttoriRimadesio
LightingRich Brilliant Willing
Crisp, LED Table Lamp
Table LampsVibia
Mayfair
PendantLambert & Fils
Dot 14
Recessed lightingBEGA

Scheda Tecnica Prodotto
Produttori
Lighting
Crisp, LED Table Lamp per Rich Brilliant Willing
Table Lamps
Mayfair per Vibia
Pendant
Dot 14 per Lambert & Fils
Recessed lighting
per BEGA

Casa Caso di Studio

Woods + Dangaran come Architetti

Questo progetto funge da caso di studio del XXI secolo, un prototipo per esplorare il potenziale di nuove case su misura all'interno dei sobborghi di Los Angeles. La casa affronta una sfida complessa: fornire ai suoi residenti l'accesso alla luce del giorno, catturare le brezze prevalenti e creare spazi esterni invitanti, mantenendo un'esperienza spaziale interna di alta qualità e un livello di privacy confortevole - il tutto su un lotto di periferia di dimensioni standard.

 

Descrizione del progetto

Situata su un lotto di 50 x 120 metri quadrati nella periferia di Los Angeles, la casa di 3.600 metri quadrati dispone di cinque camere da letto e tre bagni; l'open space al piano terra comprende la cucina, la zona pranzo e i locali per la famiglia e il soggiorno. Il garage indipendente è di 500 metri quadrati.

 

La planimetria si concentra sul passaggio libero dagli spazi interni a quelli esterni, garantendo al contempo la privacy dei proprietari dalla strada, dal vicolo e dalle proprietà adiacenti. Le tecnologie e i materiali di costruzione sono stati selezionati per supportare il progetto. Una fondazione strutturale a soletta assicura un collegamento senza soluzione di continuità tra interno ed esterno attraverso due porte a tasca esterne sovradimensionate sull'asse est-ovest e una grande porta a tasca che collega la grande stanza al cortile. L'intera larghezza e lunghezza della proprietà è visibile da un unico punto della cucina, il cuore della casa.

 

Il rapporto considerato dell'edificio con il sito è particolarmente evidente nel suo orientamento solare. Posizionando strategicamente porte a tasca vetrate, lucernari e finestre nei corridoi di circolazione, la casa non dipende dall'illuminazione artificiale durante il giorno. Un atrio a due piani funge da pozzo di luce per la camera familiare, l'ingresso posteriore e la suite padronale. Le dimensioni delle vetrate sono state massimizzate, ma il numero di aperture è stato ridotto al minimo, in modo che l'isolamento delle pareti esterne abbia poche interruzioni. Le aperture sui prospetti est e ovest sono protette da sbalzi.

 

La casa è minimale nelle masse e modesta nel materiale. Il secondo livello si tira indietro dal cortile anteriore, rispettando la scala del quartiere. L'intonaco esterno color terra completa il contesto ed è ulteriormente ammorbidito da viti di fico striscianti. Le dimensioni sono state calcolate per massimizzare l'efficienza e ridurre i costi e gli sprechi. Le stanze sono state dimensionate per eliminare la necessità di colonne e travi in acciaio. Le altezze dei soffitti sono state fissate a 9'-6" in modo da poter utilizzare una lunghezza standard di 10 piedi di legname con il minimo spreco. Tutte le pareti esterne sono incorniciate in legno 2' x 6' per massimizzare i valori di isolamento.

 

Se da un lato il design moderno affronta formalmente la sfida di costruire in modo sensibile in una comunità in evoluzione che contiene molte case originali degli sviluppi del tratto degli anni '30, dall'altro persegue anche una preoccupazione più umanistica: Fornire un santuario.

 

Gli spazi abitativi della casa sono tranquilli, confortevoli e di qualità private che non sempre sono associate al modernismo. Un modo in cui il design raggiunge questo obiettivo è quello di connettersi visivamente e fisicamente con la natura. Ogni spazio della casa ha una vista in scala adeguata, incorniciata o l'accesso all'esterno. Definito dalla family room e dalla master suite, un atrio centrale a due piani mette in mostra un pino nero giapponese di 30 anni, una bellissima scultura naturale. L'angolo della colazione si apre sul cortile anteriore, piantato con un mix strutturato di erbe ornamentali e alberi di ulivo. Il giardino sul retro, invece, è un prato curato.

 

Un altro modo in cui il design raggiunge un effetto calmante è la rigorosa scalatura e la sequenza degli spazi interni. Ciò si traduce in esperienze simultanee di apertura e intimità; entrambe le qualità sono essenziali per creare un santuario. Angoli, nicchie e piccoli spazi per il ritiro sono accuratamente ricavati nella pianta aperta. Anche la doccia principale ha una potente dicotomia spaziale: la sua cabina alta e stretta è sormontata da un lucernario, che apre il pozzo chiuso dello spazio.

Questa storia è disponibile in più lingue
Condividi o Aggiungi Case Study house alle tue Collezioni
Crediti Progetto
Prodotti utilizzati in questo progetto
Fluid Workspace - Marcus Barnett Studio
progetto successivo

Fluid Workspace - Marcus Barnett Studio

Uffici
London, UK - Edificio completato in 2018
Visualizza Progetto