Gentle Skin

noa* network of architecture come Architetti

Gentle Skin: „L’appartamento come seconda pelle“ La pelle. L’appartamento inteso come seconda pelle. Uno strato che protegge e dà la possibilità di esprimere il proprio essere e di dialogo. Il progetto cerca di stimolare la persona che ci vive e lo spinge a creare e rapportarsi con se stesso. Il colore bianco viene inteso come scena sul quale viene scritto un periodo di storia del carattere che ci va ad abitare.
“Lo spazio viene inteso come un libro dove al suo interno il nuovo inquilino inizia a scrivere la sua storia personale.”
- Stefan Rier

photo_credit AlexFilz
AlexFilz

INTERIOR DESIGN
L’appartamento é stato spogliato e ripulito da tutti i ricordi del vecchio proprietario per dare spazio all’evoluzione del nuovo carattere che subentra. L’appartamento viene visto come una seconda pelle che dovrebbe aiutare il nuovo inquilino (carattere) a svilupparsi al suo interno. Per questo motivo si é scelto di ridipingere tutte le forme già presenti nello spazio con un colore bianco. Gli oggetti che disegnano il nuovo arredo sono tutti legati a momenti, e ricordi particolari della vita del proprietario.

photo_credit AlexFilz
AlexFilz

PRODUCT DESIGN
Ogni oggetto d’arredo ma anche decorativo ha una storia propria che in un modo si lega a quella della persona che ci vive. Si parla di oggetti che sono stati scelti insieme al proprietario e hanno creato la base per il suo personale sviluppo.Gli oggetti sono poi stati restaurati, modificati e soprattutto personalizzati. Ogni oggetto quindi fa parte di un insieme, lo spazio, ed é frutto di una ricerca personale che arriva a fare parte della storia del proprietario.

photo_credit AlexFilz
AlexFilz

"TORGGL"
Il nome del progetto deriva dall’utilizzo del materiale di cui si compone. Il legno deriva da un torchio del 1600 che Ë stato smontato nei primi degli anni 80 di questo secolo e depositato allëesterno del fienile di un contadino del comune di Castelrotto. I tronchi di legno sono stati semplicemente puliti e assemblati a forma di tavolo.
GUARDAROBA "MEMORIES"È stato trovato in un vecchio appartamento. Pulito e ricoperto con gesso, corde e stracci di un vecchio libro di schizzi. L’intento progettuale era di combinare oggetti riciclati con ricordi personali come quelli di un vecchio libro da schizzo. Il libro stesso appartiene al proprietario del appartamento e contiene lavori e pensieri personali che in questo caso sono stati utilizzati per la creazione di un guardaroba.

photo_credit AlexFilz
AlexFilz

"MAMU"
Oggetto è stato trovato in un deposito di oggetti usati. Le sedie erano laccate e tappezzate e datate 1950. La seduta della sedia era composta da una struttura a molle e tappezzata con tessuto. La rivisitazione della sedia prevede una laccatura in bianco. La copertura delle molle viene sostituita da una pellicola trasparente che da la possibilità di vedere la vecchia tecnica artigianale.

photo_credit AlexFilz
AlexFilz

"PALACE"
Il lampadario deriva dall’albergo Palace di Merano che dopo l’ultimo restauro ha cambiato il suo impianto di illuminazione. Il lampadario è stato ripulito e dipinto. Funge oggi come lampada per leggere.

photo_credit AlexFilz
AlexFilz

LIGHTING DESIGN AND DECORATION
Gli oggetti e tessuti che fanno parte della decorazione dello spazio derivano da viaggi e da persone che sono legate all’ inquilino. Si possono quindi trovare tappeti del Curdistan e lampade storiche di vecchi magazzini industriali di Berlino, ultimi viaggi fatti. La vecchia argenteria e le posate, regalo di nozze della nonna e ereditate ma anche libri che provengono dal vecchio posto lavoro rafforzano l’ idea progettuale.

Read story in English and Deutsch

Featured Projects
Latest Products
News