Hillside Home in Mill Valley

SAW trasforma una casa in collina a Mill Valley, aprendo ed ampliando il suo nucleo centrale

Nome del progetto in inglese
Hillside Home in Mill Valley
Architetto
SAW // Spiegel Aihara Workshop
Posizione
Mill Valley, CA, USA | View Map
Anno Progetto
2021
Categoria
Alloggi Privati
Mikiko Kikuyama Photography
Scheda Tecnica Prodotto

ElementoMarchioProduct Name
Concrete Counters & TubCaesarstone
Pendant LightsFoscarini
Task ChairHerman Miller
Eames Soft Pad Chairs, Eames Lounge Chair and Ottoman
Interior LightingBesa Lighting
Solo
Interior LightingBrendan Ravenhill Studio
Cord Sconce
Interior LightingSerge Mouille
Three - arm ceiling lamp

Scheda Tecnica Prodotto
Concrete Counters & Tub
Pendant Lights
Task Chair
Eames Soft Pad Chairs, Eames Lounge Chair and Ottoman per Herman Miller
Interior Lighting
Solo per Besa Lighting
Interior Lighting
Cord Sconce per Brendan Ravenhill Studio
Interior Lighting
Three - arm ceiling lamp per Serge Mouille

SAW trasforma una casa in collina a Mill Valley, aprendo ed ampliando il suo nucleo centrale

SAW // Spiegel Aihara Workshop come Architetti

Lo studio Spiegel Aihara Workshop (SAW) di San Francisco ha completato la trasformazione architettonica e paesaggistica di una casa del 1962 a Mill Valley per una coppia e i loro due figli piccoli. Il progetto, conosciuto come The Middle Half, trasforma radicalmente il nucleo della casa per creare un interno aperto e inondato di luce e un collegamento diretto con il paesaggio. Materiali grezzi e strutturati come l'acciaio zincato, il cedro grezzo e il calcestruzzo gettato in opera definiscono il progetto e ne accentuano le geometrie inaspettate e stratificate.

photo_credit Mikiko Kikuyama Photography
Mikiko Kikuyama Photography
photo_credit Mikiko Kikuyama Photography
Mikiko Kikuyama Photography

"Spesso quando si pensa di preservare una cosa - una struttura, un oggetto, un paesaggio, una città - si parla di preservare il suo 'cuore' o il suo 'nucleo'. Ma in questo caso si trattava dell'opposto: stavamo cercando di preservare la periferia e di reimmaginare completamente il nucleo", spiega Dan Spiegel, co-principale di SAW.

photo_credit Mikiko Kikuyama Photography
Mikiko Kikuyama Photography
photo_credit Mikiko Kikuyama Photography
Mikiko Kikuyama Photography

La casa originale di 2.746 m² risalente alla metà del secolo scorso presentava una disposizione segmentata di piccole stanze e un nucleo molto congestionato. Sebbene i proprietari della casa fossero affezionati alla sua modesta facciata orizzontale e all'approccio semplice ai materiali, si sono resi conto degli effetti dell'invecchiamento e dei difetti organizzativi, che hanno biforcato i modelli di vita della famiglia e separato gli interni dalla vista del sito. Il progetto di SAW ha ampliato la casa fino a 3.457 m², ne ha sbloccato la disposizione per creare uno spazio abitativo centrale a pianta aperta e ne ha migliorato il collegamento con il panorama. In tutti gli interni della casa, gli arredi e le finiture sono stati progettati in collaborazione da SAW e da uno dei proprietari, Kina Ingersoll, designer d'interni. Ingersoll ha anche scelto tutti i mobili.

photo_credit Mikiko Kikuyama Photography
Mikiko Kikuyama Photography
photo_credit Mikiko Kikuyama Photography
Mikiko Kikuyama Photography

Il design è definito da un senso di espansione quando si passa dalla parte anteriore della casa, che si trova su un unico livello lungo la strada, alla parte posteriore della casa, che scende su due livelli e si affaccia su una valle ripida e lussureggiante. "È stato pensato per essere percepito come un edificio che è allo stesso tempo basso ed estremamente alto", afferma Spiegel.

photo_credit Mikiko Kikuyama Photography
Mikiko Kikuyama Photography
photo_credit Mikiko Kikuyama Photography
Mikiko Kikuyama Photography

Avvicinandosi dalla strada, la facciata è bassa e radicata nel paesaggio. Il rivestimento laterale in cedro rosso occidentale segato a mano ne esalta l'orizzontalità, mentre i tralicci a doghe scivolano oltre il tetto e incorniciano gli ingressi anteriori contro la parete angolare del garage. Una sensazione di sospensione si avverte subito entrando nella casa, dove un nuovo percorso di circolazione attraversa il nucleo diffuso, tracciando una linea leggera e chiara dalla porta d'ingresso al ponte posteriore sospeso e alle viste che si aprono oltre. "Una premessa fondamentale del progetto è l'utilizzo di un gesto paesaggistico, un corridoio tra il cortile anteriore e la vista sulla valle, per risolvere la tensione tra gli elementi dell'edificio", afferma Megumi Aihara, co-principale di SAW.

photo_credit Mikiko Kikuyama Photography
Mikiko Kikuyama Photography
photo_credit Mikiko Kikuyama Photography
Mikiko Kikuyama Photography

Questo percorso collega gli spazi comuni della casa (cucina, sala da pranzo, soggiorno, sala famiglia e terrazza esterna) lungo un asse centrale, mentre le aree più private (camere da letto, bagni, ufficio e suite per gli ospiti) si staccano a sinistra e a destra. Varcando la porta d'ingresso, un corridoio alto e stretto si apre rapidamente in un'ampia cucina e zona pranzo di forma aperta sotto soffitti con travi a vista, perforati da lucernari che si aprono e sembrano staccare porzioni di tetto. Le pareti in gesso bianco e la boiserie bianca a tutta altezza danno un senso di galleggiamento e leggerezza, mentre sottili luci a sospensione a stelo lungo sono sospese su un volume bar grigio e minimale della cucina e su un tavolo da pranzo a spigolo vivo, progettato da uno dei proprietari di casa.

photo_credit Mikiko Kikuyama Photography
Mikiko Kikuyama Photography
photo_credit Mikiko Kikuyama
Mikiko Kikuyama

Sebbene l'intera casa sia un esercizio di dissoluzione delle distinzioni tra interno ed esterno, questo raggiunge la sua massima espressione nella parte posteriore. La zona cucina-pranzo si riversa senza interruzioni nel soggiorno e nella famiglia, delimitati da finestre a tutta altezza e da porte di vetro che si aprono sul ponte superiore sospeso, dando vita a una continuità stratificata. La sensazione è rafforzata dalle travi del soffitto interno che si estendono nello spazio esterno, formando un traliccio a doghe sul ponte posteriore. "La struttura in acciaio è continua e definisce lo spazio abitativo attraverso le soglie", afferma Spiegel. "Scolpisce il volume dall'aria, rivendicando il territorio anche all'esterno, anche senza recinzione".

photo_credit Mikiko Kikuyama Photography
Mikiko Kikuyama Photography
photo_credit Mikiko Kikuyama Photography
Mikiko Kikuyama Photography

Il progetto di SAW fa sì che anche le stanze più intime della casa convergano con il paesaggio. Una nuova, ampia porta scorrevole di 16 piedi di larghezza si apre sulla parete frontale della camera da letto principale. Questa si apre sul giardino anteriore ridisegnato, piantato con una rigogliosa serie di azalee, gigli ed erbe. Anche il bagno principale collegato è organizzato intorno a una finestra che rivela l'albero di canfora del giardino anteriore.
Anche l'approccio del cliente agli interni si fonde con l'interno e l'esterno. "Volevo che la nostra casa mostrasse tutte queste ispirazioni: una connessione con la natura (con ampie porte sul retro che si aprono sul nostro giardino e sui boschi circostanti) e un interno che mostrasse un sottile mix di culture, dal vecchio al nuovo mondo, dall'orientale all'occidentale, dal moderno al tradizionale. Un esempio di questa filosofia è stato il tavolo della sala da pranzo. Abbiamo acquistato la lastra di noce nero da un'azienda di legname della costa orientale su Etsy e poi abbiamo assunto un falegname locale per rifinirlo e un metalmeccanico locale per costruire le gambe in acciaio grezzo che ho progettato".

photo_credit Mikiko Kikuyama Photography
Mikiko Kikuyama Photography
photo_credit Mikiko Kikuyama Photography
Mikiko Kikuyama Photography

Dalla destra della zona pranzo-cucina, un breve corridoio collega il volume principale della casa all'ala dei bambini, che si trova ad ovest. Le finestre che costeggiano questa soglia creano un collegamento visivo tra i volumi, rivelando le geometrie stratificate e scivolose della casa. Dall'altro lato della cucina, una scala scivola sottilmente dietro la libreria aperta della sala famiglia fino al bar/lounge del piano inferiore, alla stanza degli ospiti e all'ufficio; in precedenza non c'era alcun collegamento interno tra il piano superiore e quello inferiore. Il salone è inoltre dotato di porte scorrevoli in vetro che si aprono sul ponte inferiore. SAW ha progettato il paesaggio posteriore in modo volumetrico, definito da geometrie condivise con il progetto architettonico. L'ampio ponte superiore si collega ai ponti inferiori a gradini con una scala in cedro massiccia e ben definita e una ringhiera realizzata con pali in acciaio zincato e cavi in acciaio inox. La piscina, situata sul ponte più basso, da un lato è senza soluzione di continuità, un vuoto nel paesaggio, dall'altro è un solido blocco rettilineo nel fianco della collina. Al di sotto, le terrazze si susseguono come "stanze del paesaggio" lungo il pendio.

Caption

"Gli elementi costruttivi più critici - le travi e le colonne in acciaio e legno - si liberano dai vincoli delle pareti interne per ritagliare e definire i volumi dello spazio esterno, incorniciando le viste come scene pittoriche", spiega Aihara a proposito della connessione tra il design architettonico e paesaggistico del progetto.

Caption

Team:

Architettura e architettura del paesaggio: SAW General Contractor: Perfection

Ingegnere edile: GFDS

Ingegnere civile: Benjamini Associates

Falegnameria: Marco Hernandez Custom Cabinetry 

Ingegnere geotecnico: Nersi Hemati

Design degli interni: Kina Ingersoll

Fotografia: Mikiko Kikuyama

Caption

Materiale Utilizzato:

Esterno:
- Travi e colonne in acciaio zincato
- Rivestimento in cedro rosso occidentale segato a mano, selezionato a nodi stretti
- Porta d'ingresso in acciaio laminato a caldo
- Porte e finestre Fleetwood
- Binario in acciaio inossidabile e pali in acciaio zincato
- Rivestimento e decking in Camaru
- Calcestruzzo gettato in opera
In tutto l'edificio:
- Pavimenti in quercia bianca recuperata
Camera da letto principale:
- Struttura letto e scaffali Room and Board
- Tavolo regolabile in altezza Ergonofis
- Sedia operativa Eames Soft Pad
- Lampada a cupola Andrew Neyer Swing
- Tappeto dal Marocco
Bagno principale:
- Pavimento in Porcelaingres
- Piastrelle per doccia Island Stone e Porcelaingres
- Banconi Caesarstone Fresh Concrete
- Vasca Caesarstone Fresh Concrete
  - Applique Allied Maker
- Ferramenta Kohler
- Cassettiere Restoration Hardware
Stanza della polvere:
- Brendan Ravenhill Cord Sconce
- Piastrelle per pavimento Porcelaingres
- Piastrelle per pareti Island Stone
- Lavandino BENTU Design
- Ferramenta Kohler
Cucina:
- Lavori di falegnameria su misura
- Luca Pevere, Paolo Lucidi di Foscarini luci a sospensione
- Paraschizzi di Sonoma Tilemakers
- Banconi in Cemento Grezzo Caesarstone
- Banconi Pental Santenay Honed
- Cassettiere Mockett
- Lavello Kraus
Sala da pranzo:
- Luci a sospensione Urbie Torbi
- Tavolo con bordo vivo personalizzato
- Sedie Herman Miller Eames
- Paletta intagliata a mano
- Arazzo dell'Eajasthan
- Maschere da Cile, Fiji, Nepal e Marocco
Soggiorno:
- Divano personalizzato
- Tavolino Poltrona Frau
- Sedie lounge BluDot
- Tappeto di agnello dall'Islanda
- Sgabello Ikea in rafia
- Brocca del latte antica
- Ciotola dalla Grecia
Stanza della famiglia:
- Lampada da soffitto a tre bracci di Serge Mouille
- Libreria personalizzata in quercia bianca recuperata
- Divano personalizzato
- Tavolo antico

 - Sedie Panton
- Tavolino Viva Terraand
- Sculture da Tahiti, Bali, Messico e Grecia
Camera di Elyana:
- Struttura del letto Room and Board
- Scrivania Blu Dot
- Sedia da scrivania Eames
- Scaffale CB2
Camera da letto di Hayes:
- Culla Stokke Sleepi
Scala:
- Pensili a corda di Besa Lighting
Piano inferiore:
- Tavolino Lulu e Georgia
- Quadro di Milton Wilson

Caption

Read story in EnglishPortuguêsFrançaisEspañol and Deutsch