Sudetendeutsches Museum

Sudetendeutsches Museum

Architetto
pmp architekten
Posizione
Munich, Germany | View Map
Anno Progetto
2020
Categoria
Musei
Florian Holzherr
Scheda Tecnica Prodotto

ElementoMarchioProduct Name
Facade panelEquitone
ProduttoriSCHÜCO
ProduttoriLindner Group
ProduttoriBauder
ProduttoriFoamglas
ProduttoriFranken-Schotter

Scheda Tecnica Prodotto
Produttori
per SCHÜCO
Produttori
Produttori
per Bauder
Produttori
per Foamglas
Produttori

Sudetendeutsches Museum

pmp architekten come Architetti

"Niente di più e niente di meno che un'avventura chiamata casa": La scritta nella sala d'ingresso del nuovo museo cita un discorso tenuto nell'aprile 1997 dal presidente ceco Vaclav Havel nel parlamento tedesco. Una massima che il museo applica nel ricordare il passato, ma anche nell'amare una casa appena trovata.

photo_credit Florian Holzherr
Florian Holzherr

Il design dell'edificio equipaggia la ricerca di una casa con una nuova manica, cercando di modellare l'identità del luogo di conseguenza. Pochissimo spazio era disponibile per il nuovo edificio, in una posizione piuttosto eterogenea: una stazione di servizio e un edificio di hotel a più piani dall'altra parte della strada, un ripido pendio di dieci metri verso l'Auer Mühlbach dall'altra parte e la zona di conversazione naturale dell'Isar verso sud.

photo_credit Florian Holzherr
Florian Holzherr

Visto dalla strada, il museo segue la struttura degli edifici esistenti e riprende le loro altezze di gronda e di colmo. Tuttavia, essendo l'ultimo edificio in una linea di case, non nega la sua gravitas e forma una finitura saliente e cubica verso sud. L'edificio - in accordo con il terreno - si sviluppa in una struttura più sciolta mentre si estende lungo la collina. Infine, si apre verso la collina verde con un'incisione di cinque piani che attraversa l'intera altezza dell'edificio.

photo_credit Florian Holzherr
Florian Holzherr

La nuova costruzione è rivestita di pietre naturali e si presenta per lo più chiusa e monolitica. Le pietre naturali sulle superfici verticali sono state trattate a mano e hanno una finitura grezza. La superficie del tetto è intesa come parte del monolite e rappresenta una quinta facciata dell'edificio. I rivestimenti in ottone definiscono le incisioni nel monolite: i giunti orizzontali sono coperti con ottone brunito sul loro lato inferiore; le superfici verticali sono rifinite con rivestimenti corrispondenti.

photo_credit Florian Holzherr
Florian Holzherr

Allontanandosi dalla strada e scendendo lungo il pendio, le superfici esterne guadagnano una dinamica, finendo in un movimento quasi a spirale intorno all'incisione nel monolite. Questa dinamica si estende all'interno, inducendo deformazioni dei rivestimenti in ottone all'interno dell'incisione. Questa rottura di cinque piani definisce un punto di riferimento per il tour attraverso il museo e, allo stesso tempo, agisce come elemento di collegamento tra l'interno e l'esterno.

photo_credit Florian Holzherr
Florian Holzherr

È stato ottenuto un tour ininterrotto e continuo attraverso il museo, nonostante l'area dell'edificio sia molto ristretta. I visitatori del museo entrano attraverso il cortile e raggiungono il foyer a livello della strada. Da lì, prendono l'ascensore centrale fino all'ultimo piano, dove inizia la mostra. Sopra le cime degli alberi, questa posizione offre una vista sul centro di Monaco e sul Museumsinsel. Attraverso una scala aperta, il percorso dei visitatori li conduce al piano inferiore attraverso cinque aree espositive. Il tour si conclude al livello della strada, dove i visitatori sono condotti oltre il foyer senza interferire con altri visitatori appena arrivati. Il caffè del museo, l'uscita e le aree di transizione verso istituzioni complementari negli edifici vicini sono tutti situati sulla collina del museo. Qui, i visitatori possono lasciare il museo attraverso la terrazza esterna o ritornare alla sala d'ingresso attraverso una scala interna.

photo_credit Florian Holzherr
Florian Holzherr

L'area esterna collega il livello della strada adiacente al Lilienberg con la Hochstraße attraverso una sequenza di scale. Queste scale possono essere utilizzate per raggiungere il caffè del museo e l'ingresso principale. Inoltre, esse collegano il museo alle passerelle pubbliche e alle piste ciclabili lungo l'Isar.

photo_credit Simon Kramer
Simon Kramer
photo_credit Florian Holzherr
Florian Holzherr
photo_credit Florian Holzherr
Florian Holzherr
Questa storia è disponibile in più lingue
Condividi o Aggiungi Sudetendeutsches Museum alle tue Collezioni
Crediti Progetto
WSP
Ingegneri
Prodotti utilizzati in questo progetto
BARN B
progetto successivo

BARN B

Alloggio
Edificio completato in 2021
Visualizza Progetto