Scheda Tecnica Prodotto

ElementoMarchioProduct Name
ChairMagis spa
Acoustical Wall / Ceiling panelBuzziSpace
Textiles and Wall CoveringsÉLITIS
UpholsteryCamira
Closed Office Furniture and Conference Room ChairsGeiger International, Inc.
Meeting TablesHaworth

Scheda Tecnica Prodotto
Chair
Acoustical Wall / Ceiling panel
Textiles and Wall Coverings
per ÉLITIS
Upholstery
per Camira
Closed Office Furniture and Conference Room Chairs
Meeting Tables
per Haworth

Lo studio di progettazione Roar ha completato la nuova sede centrale in Medio Oriente della principale azienda farmaceutica giapponese Takeda, situata nel pionieristico distretto commerciale di Dubai, One Central. Lo spazio di 23.000 metri quadrati fonde l'estetica tradizionale giapponese con la moderna efficienza basata sui dati per creare uno splendido ufficio contemporaneo, ancorato al suo ambiente locale.

 

Spiega il fondatore e direttore creativo di Roar, Pallavi Dean: “Takeda voleva che progettassimo un ufficio che fosse all'altezza del loro nuovo quartier generale di Tokyo, in Giappone. Abbiamo ritenuto importante trarre ispirazione dall'eredità giapponese dell'azienda e allo stesso tempo celebrare il contesto locale per dare al progetto un senso di luogo e differenziarlo dagli altri uffici Takeda nel mondo - questo è sicuramente Takeda a Dubai, non Tokyo!

 

Pallavi Dean continua: “La vera magia del design nasce spesso quando questi due mondi - arte e scienza - si scontrano, e il nuovo ufficio di Takeda è un chiaro esempio di questo notevole incontro. Lo spazio è progettato intorno a tre temi - i valori giapponesi, la cultura emiratiana e il design guidato dai dati - che si traducono in un progetto molto intuitivo ma ragionato".

 

Il concetto di interni evoca i principi chiave dell'ancestrale filosofia del design giapponese, evidenziando un linguaggio architettonico minimale e sobrio con la geometria dello schermo shoji e materiali testurizzati come il legno, il cemento grezzo e la carta. La sala riunioni riprende il layout di una casa da tè giapponese, mentre l'area della reception fa riferimento al genkan, l'ingresso tradizionale di una casa giapponese.

 

Radicando il quartier generale nella sua nuova città natale, vari elementi di design arabo, in particolare Emirati, sono incorporati nello schema. Una serie di opere d'arte del designer Khalid Shafar adornano lo spazio, realizzate con il khoos - una tecnica di tessitura delle foglie di palma che è stata tradizionalmente applicata per costruire tetti di case e tappetini. Le foglie di palma essiccate vengono raccolte e poi tagliate e lavate per tessere.

 

Spiega Pallavi Dean: "Questo antico mestiere emiratiano è simile al metodo giapponese del tatami, ma mentre i giapponesi usano la paglia di riso, gli emirati usano le foglie di palma. Ci piace questa sottile sinergia nell'artigianato tra le due culture".

 

L'interior design prende la sua essenza da Takeda: la tavolozza dei colori allude al rosso Takeda, mentre la forma del suo logo fa riferimento a tutto. L'etica dell'azienda, soprannominata "Takeda-ismo" e basata su quattro valori chiave - integrità, correttezza, onestà e perseveranza - si riflette nella scelta dei materiali e negli obiettivi di sostenibilità.

 

Pallavi Dean commenta: “Il progetto è certificato LEED silver - secondo gli standard ASHRAE, l'edificio ha ottenuto un risparmio del 12,3% sul consumo di energia, è ben collegato ai trasporti pubblici ed è anche dotato di un'ampia aria fresca che aiuta a controllare le fonti di inquinamento, a rimuovere i contaminanti e a migliorare la salute e il comfort degli occupanti".

 

Roar ha collaborato con gli specialisti dello spazio di lavoro di Herman Miller sulla modellizzazione dell'allocazione dello spazio (SAM Analysis) nel tentativo di massimizzare l'utilizzo della pavimentazione. Applicando il quadro di Herman Miller 'Living Office', Roar ha quantificato una serie di metriche come la metratura per dipendente e la percentuale dedicata alle aree individuali, alle riunioni e all'accoglienza per garantire un'assegnazione ottimale dello spazio a compiti ed esperienze che siano di miglior valore possibile per tutti gli utenti finali. Di conseguenza, il 35% dell'ufficio è dedicato a zone "alveare" per il lavoro individuale, il 29% a spazi "meeting" e il 13% a zone "breakout" per le interazioni sociali informali.

 

Un altro elemento chiave del progetto è l'inclusione di principi biofili. Dice Pallavi Dean:

"L'idea di portare l'esterno all'interno, in riconoscimento del bisogno intrinseco dell'uomo di essere a contatto con la natura, è sempre stata in prima linea nella pratica di Roar. La luce del giorno riduce la fatica; il verde riduce la sonnolenza; la Teoria del restauro dell'attenzione di Kaplan, o ART, propone che l'esposizione alla natura non solo è piacevole, ma può anche migliorare la messa a fuoco e la concentrazione. Alla luce della recente pandemia, che ci ha ricordato il nostro rapporto troppo lontano con la natura, credo che questo sia qualcosa che diventerà un must nella maggior parte dei progetti di interior design che andranno avanti".

 

Materiale Utilizzato:

  1. Herman Miller - Scrivanie
  2. Haworth - Tavoli delle riunioni
  3. Geiger - Mobili per ufficio chiusi e sedie per sala conferenze
  4. Kaprel - Divisori in vetro
  5. Elitis - Tessili e rivestimenti murali
  6. Camira & Kvadrat - Tappezzeria
Questa storia è disponibile in più lingue
Condividi o Aggiungi Takeda alle tue Collezioni
Prodotti utilizzati in questo progetto
Refurbishment of a Holiday Residence
progetto successivo

Refurbishment of a Holiday Residence

Alloggi Privati
Montagnola, Collina d'Oro, Switzerland - Edificio completato in 2019
Visualizza Progetto