Pierre Boulez Saal

Pierre Boulez Saal

Architetto
Gehry Partners

HG Merz

RW+
Posizione
Berlin, Germany
Anno Progetto
2017
Categoria
Sale da Concerto
© Volker Kreidler
Scheda Tecnica Prodotto

ElementoMarchioProduct Name
ChairsWILDE+SPIETH
SE 68 SU Stackable Chair
Musician’s Chair
Glass - curved acoustical finsGuardian Glass
Custom fabric for audience seats Kvadrat
TextilesMaharam
Fixed audience seatsSeda Seating
Textiles - acousticalSerge Ferrari

Scheda Tecnica Prodotto
Chairs
Musician’s Chair, SE 68 SU Stackable Chair per WILDE+SPIETH
Glass - curved acoustical fins
Custom fabric for audience seats
per Kvadrat
Textiles
per Maharam
Fixed audience seats
Textiles - acoustical

SALA CONCERTI DELLA BARENBOIM-SAID AKADEMIE

Pierre Boulez Saal come Cliente

A conclusione di un piano di costruzione durato quattro anni e andato completamente secondo i piani, la nuova Sala Pierre Boulez di Berlino verrà inaugurata con un concerto di gala sotto la direzione di Daniel Barenboim. Come ospite d'onore, il Presidente tedesco Joachim Gauck parteciperà al concerto di apertura del 4 marzo. Il Boulez Ensemble, di recente formazione, presenterà opere di Boulez, Schubert, Mozart, Jörg Widmann e Alban Berg.

photo_credit © Volker Kreidler
© Volker Kreidler

La Sala Pierre Boulez è stata progettata dall'architetto americano Frank Gehry e fa parte dell'Accademia Barenboim-Said. Convocata da Daniel Barenboim, l'Accademia ha iniziato il suo programma didattico nell'autunno del 2016. Situata nel cuore culturale di Berlino, la nuova sala da concerto ha 700 posti a sedere e offre una serie di possibilità grazie alla sua forma ellittica e al design flessibile del palco. L'acustica della sala è affidata al tecnico acustico giapponese Yasuhisa Toyota, noto per la sua esperienza in questo campo. Sia Frank Gehry che Yasuhisa Toyota hanno generosamente donato i loro servizi all'Accademia Barenboim-Said e hanno rinunciato a qualsiasi compenso per il loro lavoro.

photo_credit © Volker Kreidler
© Volker Kreidler

Il programma del concerto di apertura riflette l'inesauribile curiosità musicale di Pierre Boulez. Il compositore, direttore d'orchestra e visionario francese, scomparso nel gennaio 2016, è stato per molti anni uno dei più stretti colleghi artistici di Daniel Barenboim. "Pierre Boulez non è stato solo un grande compositore e direttore d'orchestra", ricorda Barenboim, "ha anche rivoluzionato la musica dal basso verso l'alto. Dedichiamo questa sala di musica da camera allo spirito di un visionario della musica e attendiamo con ansia i prossimi concerti e incontri."

photo_credit © Volker Kreidler
© Volker Kreidler

Sotto il titolo "Musica per l'orecchio pensante", il programma della stagione inaugurale comprende più di sessanta concerti di musica da camera del periodo classico e romantico, oltre a classici moderni dell'inizio del XX secolo, composizioni contemporanee, prime mondiali, musica dal Medio Oriente e jazz.

photo_credit © Volker Kreidler
© Volker Kreidler

L'Ensemble Boulez La flessibilità e la versatilità interdisciplinare che sono al centro della filosofia della Pierre Boulez Hall si riflettono nel nuovo Ensemble Boulez, composto da musicisti della Staatskapelle di Berlino e della West-Eastern Divan Orchestra di Daniel Barenboim, oltre che da studenti e insegnanti dell'Accademia Barenboim-Said e da ospiti internazionali. Nel corso della sua stagione inaugurale, da qui a luglio, l'Ensemble terrà una serie di concerti con la partecipazione, tra gli altri, di Daniel Barenboim, Sir Simon Rattle, François-Xavier Roth, Jörg Widmann e Anna Prohaska. Un nuovo album in memoria di Pierre Boulez Per celebrare l'apertura della Pierre Boulez Hall, Deutsche Grammophon pubblica un disco dedicato a Boulez. Hommage à Boulez contiene opere fondamentali del compositore francese, tra cui Le marteau sans Maître diretto dal compositore e Dérive 2 registrato dal vivo dalla West-Eastern Divan Orchestra ai BBC Proms del 2012. Questo doppio album è disponibile su iTunes e nei punti vendita abituali a partire dal 3 marzo 2017.

photo_credit © Volker Kreidler
© Volker Kreidler

La Barenboim-Said Akademie (BSA) è stata creata nello spirito della West-Eastern Divan Orchestra, fondata nel 1999 da Daniel Barenboim e dal defunto studioso di letteratura americano-palestinese Edward W. Said per riunire alla pari giovani musicisti arabi e israeliani. Nel 2012, Barenboim ha fondato la BSA per formare giovani musicisti del Medio Oriente, con un programma di studi che affonda le sue radici sia nella musica che nelle discipline umanistiche. Gli studenti sono invitati a studiare con una borsa di studio in un programma di quattro anni che porta a una laurea. La BSA ha accolto la sua prima classe di 37 studenti nell'autunno del 2016 e, una volta raggiunta la capienza, potrà iscrivere fino a 90 studenti alla volta.

La Pierre Boulez Saal è una nuova sala concerti nel cuore di Berlino, la Project Overview è stata costruita appositamente per la BSA. La sala è stata progettata per fornire uno spazio di prova eccezionalmente flessibile per studenti e docenti e per ospitare un programma continuo di esibizioni di studenti, concerti di musica da camera, lezioni, conferenze ed eventi accademici.

photo_credit © Volker Kreidler
© Volker Kreidler

Il progetto della sala è nato da una stretta collaborazione tra Daniel Barenboim, l'architetto Frank Gehry, vincitore del premio Pritzker, e l'acclamato tecnico dell'acustica Yasuhisa Toyota. Gehry ha generosamente donato i suoi servizi al progetto. La sala è intitolata al compositore e direttore d'orchestra Pierre Boulez (1925-2016), amico di lunga data di Barenboim e Gehry, in omaggio alla sua incessante dedizione all'apprendimento e alla sua insaziabile curiosità.

photo_credit © Volker Kreidler
© Volker Kreidler

Posizione Französische Straße, tra la Staatsoper Unter den Linden e il Palazzo del Ministero degli Esteri. La Pierre Boulez Saal è stata ricavata da una parte dell'ex magazzino della Staatsoper (il Magazin), costruito nel 1952-55 e progettato da Richard Paulick. Si trova nel quartiere Mitte, il centro storico e culturalmente vivace di Berlino, nelle immediate vicinanze dell'Università Humboldt e della Museumsinsel (Isola dei Musei).

photo_credit © Volker Kreidler
© Volker Kreidler

Read story in EnglishDeutschFrançaisEspañol and Português

Featured Projects
Latest Products
News